Il progetto
Cul-TURE d’@mare

Cul-TURE d’@mare è un progetto della Cooperativa sociale Millepiedi onlus e nasce in continuità con il progetto Ràixe – Spazi digitali per la cultura tabarchina – un piccolo museo situato a Calasetta (Sud Sardegna), con il grande obiettivo di raccogliere e archiviare l’unicità della storia di un popolo errante del mediterraneo: i Tabarchini.
Archiviare e proteggere dall’oblio è un sicuro e degno approdo; promuovere e diffondere è l’inizio di una nuova vita, di un nuovo viaggio, di nuove e continue conoscenze.
Ed è da questa esigenza che Ràixe (radice) si evolve in Cul-TURE d’@mare, progetto che prosegue il viaggio alla riscoperta della cultura tabarchina. Le due torri sabaude di Carloforte e Calasetta, ne sono emblema ed espressione, ed è dalla loro valorizzazione, che il progetto Cul-TURE d’@mare (“Ture” significa torre in tabarchino) prende il largo seguendo tre linee, fili, percorsi: il rosso (della storia e della memoria), l’azzurro (del viaggio e della scoperta), il “giallo luce” (della continua conoscenza).

Queste tre linee, fili, percorsi tracciano ed intessono le quattro azioni di questa nuova esperienza:
#1 Real-virtual Ture, #2 A scuola, #3 Web serie “Piatto Ràixe” e #4 Festival 22/23 giugno

Attraverso l’azione real-virtual TURE si intende mettere in rete due importanti beni culturali, simbolo anch’essi della storia e della cultura tabarchina: la torre San Vittorio di Carloforte e la torre Sabauda di Calasetta.
In un’ottica di promozione integrata del territorio, pur non essendo propriamente legata alla storia tabarchina, ma architettonicamente affine e geograficamente prossima, si è inserita in questo percorso di scoperta e valorizzazione anche la Torre Canai di Sant’Antioco. Una rete reale e virtuale, ad alto valore economico, culturale e turistico, accessibile anche a persone a mobilità ridotta (PMR).

Per prenotare un real-virtual TURE: https://reservo.me/culturedamare/
Per conoscerle collegarsi alla nostra chat bot al Telegram name: @CulturedamareBot.

Con l’azione del progetto a scuola, insieme a studenti e docenti dell’istituto Enogastronomico – IPIA – Emanuela Loi – di Sant’Antioco, esploreremo la cultura culinaria tabarchina grazie alla collaborazione di rinomati chef e la promuoveremo con il sostegno di food blogger ed attività di street food.
Tra gli chef: Luigi Pomata, Graziano Serrenti & Graziella Cipollina, Donatello Maccioni.
Tra i food blogger e street fooder: Nicoletta Palmas, Francesco Pruneddu, Vannisa Biggio e Riccardo Aste con “La Mamasita de Sanpè”.
L’esperienza di Cul-TURE d’@mare a scuola sarà raccontata in una miniserie di sette instant doc.
Seguiteci sul sito e sui social per avere la programmazione dettagliata.

La web serie – Verso la creazione del “Piatto Ràixe” – rappresenta una breve rassegna culinaria tra tradizione ed innovazione e vede coinvolti tre tabarchini appassionati di cucina: Marco, Betta e Vannisa!!! I tre, partendo da un piatto della tradizione, elaboreranno una versione rinnovata dello stesso e la presenteranno in un viaggio lungo sei puntate, che sarà l’occasione per scoprire e raccontare i luoghi, le persone, i sapori ed i profumi di questo immenso patrimonio identitario.
Seguiteci sul sito e sui social per avere la programmazione dettagliata.

Il Festival del progetto Cul-TURE d’@amare, rappresenta il cuore del progetto stesso ed intende creare Una piattaforma digitale di incontro e confronto per la cultura tabarchina.
Un evento tra reale e virtuale, a distanza ed in presenza.
Una due giorni che trae origine dalle relazioni createsi intorno all’Archivio Ràixe – Spazi digitali per la cultura tabarchina e delle sue cinque comunità (Genova Pegli, Tabarka, Carloforte, Nueva Tabarka, Calasetta).
Sarà l’occasione per guardare al passato, pensare il presente ed immaginare il futuro dell’identità tabarchina, una cultura… d’@mare
❤️ 💙 💛

Il festival di CulTure d’@mare
parte tra

Il festival di CulTure d’@mare
sta arrivando

Vorresti più info?

    *campi obbligatori
    Nome*
    Email*
    Richiedo info su:*
    Il tuo messaggio*
    Dimostra di essere un umano*